Aneurisma o steno ostruzione dell’aorta addominale

L’aneurisma dell’aorta addominale è una dilatazione permanente dell’aorta nel suo tratto addominale che tende a progredire sotto l’azione della pressione sanguigna, ed è dovuta ad un indebolimento della sua parete. Al suo interno spesso si trovano dei trombi che possono staccarsi e, trasportati dalla corrente sanguigna, possono andare ad ostruire vasi arteriosi più piccoli (embolia).

E’ potenzialmente pericoloso poiché può rompersi e causare una grave emorragia che nella maggior parte dei casi è fatale. L’aneurisma dell’aorta addominale molto spesso non crea disturbi e la sua diagnosi avviene casualmente durante visite o esami per altre patologie. Occasionalmente il paziente può accorgersi della sua presenza perché sente una “strana” pulsazione in addome. In presenza di un aneurisma, l’improvviso dolore addominale che si porta ai fianchi o alla schiena associato a debolezza e calo della pressione arteriosa può essere indicativo di una iniziale rottura.

La steno-ostruzione dell’aorta addominale, cioè il restringimento più o meno importante del vaso può essere asintomatico o sintomatico. Il sintomo più importante è la difficoltà a camminare con ridotta autonomia di marcia. Questo si verifica quando il lume del vaso arterioso è ridotto con riduzione della portata di sangue ai muscoli degli arti inferiori e maggiore faticabilità dei muscoli. Il sintomo che il paziente avverte è proprio un dolore profondo ai glutei ed ai muscoli della coscia dopo un determinato percorso. Il restringimento è causato dalla presenza di placche di grasso e/o di calcio i cui fattori di rischio sono, l’età, la familiarità, l’ipertensione arteriosa, le dislipidemie, ed il tabagismo.

FATTORI DI RISCHIO. Ipertensione, familiarità, livelli elevati di colesterolo, diabete e fumo sono i fattori di rischio che contribuiscono alla formazione dell’aneurisma. L’aneurisma dell’aorta è una malattia molto diffusa: interessa il 6% circa della popolazione di età superiore a 60 anni, ed è più frequente negli uomini.

I SINTOMI. Quasi sempre l’aneurisma dell’aorta addominale è asintomatico, ossia non dà segno della sua presenza. Molto spesso, infatti, viene diagnosticato in occasione di esami o visite eseguiti per altre ragioni. Alcune volte può essere presente dolore al dorso ed alla regione lombare, dovuto alla compressione esercitata dall’aneurisma sui corpi vertebrali e sulle radici nervose.

PREVENZIONE, ecocolorDoppler come esame preventivo.

L’ Ecocolordoppler dell’Aorta Addominale consente di valutare diverse patologie specifiche dell’aorta ed, in particolare,le dilatazioni e le steno-ostruzioni.L’ EcocolorDoppler nasce infatti dall’incontro di due metodiche diagnostiche: l’ecografia ed il doppler e consente pertanto di esaminare attraverso l’ecografo i principali vasi sanguigni (vene, arterie) studiando il flusso del sangue al loro interno.

L’ Ecocolordoppler dell’Aorta Addominale permette di valutarne la parete arteriosa, la presenza di placche di grasso e di calcio, di trombi di dilatazioni aneurismatiche ed infine i caratteri del flusso arterioso.

Per informazioni: +39 0438 388437

Ultime Notizie

In questa sezione tutte le notizie più recenti di attività, eventi e informazioni generali del gruppo BLUE MEDICAL.

OSSIGENO OZONO TERAPIA

Ambulatori di Fisiatria e Terapia del dolore

Responsabile dott. Giuseppe Dal Mistro, dott. Cost’Anto Cavarzerani

L’ozonoterapia è stata utilizzata a scopo terapeutico sin dagli inizi del secolo, è stata sperimentata con varie modalità e, nonostante su alcune patologie abbia permesso di ottenere dei risultati terapeutici insperati, moltissimi medici nutrono ancora pregiudizi o non conoscono questo approccio. L’Ossigeno-Ozono Terapia è ampiamente utilizzata particolarmente in Germania ed in Svizzera. In Italia l’Ossigeno-Ozono Terapia ha avuto ufficialmente inizio nel 1983, con la costituzione della Società Italiana di Ossigeno-Ozono Terapia. Leggi l’intero articolo

POSTUROLOGIA MEDICA

La posturologia è una branca relativamente recente della medicina complementare; si propone di studiare l’essere umano nel suo complesso. Nella determinazione della postura che il soggetto assume entrano in gioco numerosi fattori di tipo strutturale, ma rivestono una grossa importanza fattori di tipo metabolico e soprattutto psichico, pertanto nello studio della postura non si possono trascurare questi aspetti non strumentali ma bisogna considerare il soggetto da un punto di vista globale. Leggi l’intero articolo

Glaucoma

Glaucoma: una strategia per curarlo in un convegno a Helsinki VII World Glaucoma (http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=52229)

 

Il glaucoma, malattia del nervo ottico, è la seconda causa di cecità sia nei paesi sviluppati, che in quelli in via di sviluppo. L’Organizzazione mondiale della sanità stima che nel 2020 ci saranno nel mondo circa 60 milioni di pazienti affetti da glaucoma ad angolo aperto e 20 milioni di soggetti con glaucoma ad angolo chiuso, di cui circa il 50% non diagnosticati. Leggi l’intero articolo